Attrezzi necessari:

  • Due secchi dotati di griglie
  • Guanto
  • Panno in microfibra per asciugatura
  • Panni in microfibra generici
  • Pennello per cerchi
  • Spazzola per cerchi
  • Secchio per cerchi

Prodotti necessari:

  • Shampoo neutro
  • Sgrassante generico (APC)
  • Pulitore per ruote
  • Quick detail spray


Procedura:

È preferibile cominciare sempre dalle ruote. Lo sporco che si accumula in questa parte dell'auto è il più pericoloso e si deve ridurre subito il rischio che possa finire su altre zone.

 Riempite di acqua il secchio dedicato ai cerchi, con dentro il pennello e la spazzola. Aggiungete 1 o 2 tappi di shampoo neutro all'acqua ed attivate la schiuma con il getto d'acqua. Sciacquate abbondantemente la ruota e il passaruota se necessario. Spruzzate il pulitore per ruote in proporzione alla quantità e all'età dello sporco. Mentre lo lasciate agire per 2 o 3 minuti, se necessario spruzzate lo sgrassante generico sulla spalla dello pneumatico e sulla superficie del passaruota per ammorbidire sporco e residui.

Prendete il pennello imbevuto di acqua saponata e cominciate a lavorare il pulitore per le ruote sulla faccia del cerchio, cercando con l'azione meccanica delle setole di agire su tutte le cavità e gli anfratti dei raggi. Con movimenti circolari, pulite a fondo anche le sedi dei bulloni.
Prendete la spazzola per i cerchi e cominciate a lavorare il pulitore sull'interno del cerchio dall'alto verso il basso, muovendovi ad inclinazioni alternate pulite più accuratamente possibile dietro ai raggi. Sempre col pennello imbevuto di acqua saponata, e sgrassante se applicato, concludo agitando lo sporco sulla superficie dello pneumatico. Terminato questo, risciacquate abbondantemente ruota e passaruota.

Preparate i due secchi con le griglie, fondamentali per intrappolare sul fondo le particelle di sporco, uno con acqua pulita e un con acqua saponata. A seconda della capacità del secchio usato andrete ad aggiungere la quantità di shampoo neutro per raggiungere la diluizione consigliata. Sciacquate abbondantemente tutta l'auto in modo da rimuovere il grosso dello sporco. Poi, con il vostro guanto, caricate acqua saponata in abbondanza e cominciate a lavare l'auto dal tettuccio.
Cercate di applicare poca pressione e movimenti lineari ed evitate i movimenti circolari, mentre scendete girando intorno all'auto (una sequenza di esempio potrebbe essere: tettuccio, finestrini laterali, lunotto posteriore, parabrezza, cofano, parte alta delle fiancate, parte bassa delle fiancate, muso, coda).

Per ogni zona, occorre risciacquare il guanto nel secchio con acqua pulita, sfregando con la mano libera in modo da liberare più sporco possibile. Dopo aver strizzato, immergete di nuovo il guanto nel secchio con acqua saponata e passo alla zona successiva.
Sentitevi liberi di sciacquare più o meno frequentemente a seconda del livello di sporco. In presenza di scritte, stemmi o protuberanze tipo l'antenna, cercate col guanto di seguirne i contorni, sempre con poca pressione, per permettere alle fibre di lavorare in tutti gli anfratti.

Terminato il processo, sciacquate tutta l'auto, lasciate gocciolare via il grosso dell'acqua per pochi minuti e preparate il necessario per l'asciugatura.

I panni per asciugare sono solitamente di dimensioni generose. Piegatelo in 4 in modo da avere più facciate pulite utili possibili da utilizzare.
Con il quick detail spray, spruzzate 2 o 3 volte sulla faccia del panno, poi appoggiate quella facciata sulla carrozzeria da asciugare. Muovendovi sempre dall'alto verso il basso, passate il panno cercando di non applicare pressione ed eseguite movimenti lineari.
Finito un pannello o una zona, capovolgete il panno, altre 2 o 3 spruzzate di quick detail spray e ripetete fino all'asciugatura competa.

Prendete poi un panno generico e sempre piegandolo in 4 e con l'aiuto del quick detail spray, girate intorno all'auto e andate a rifinire i vetri, le ultime colature di acqua o le "dimenticanze".

Con un ulteriore panno, che destinerete poi sempre a questo uso, rifinite le ultime gocce sui cerchi, in modo da evitare fastidiosi schizzi al primo movimento dell'auto.

A questo punto avrete finito la routine di mantenimento.

Grazie al quick detail spray avrete, oltre che facilitato l'asciugatura, steso un leggero velo di protezione che vi porterà tranquillamente fino alla manutenzione successiva. Data la riduzione ai minimi termini del tempo impiegato, dello sforzo e dei materiali consumati, nonché dei benefici a lunghissimo termine della costanza e dell'applicazione di queste poche malizie, si consiglio un lavaggio di mantenimenti una volta alla settimana.